×

Wyszukaj artykuł

Podaj imię i nazwisko autora

Podaj tytuł szukanej piosenki

O (Circular Sign)

Utwory wykonawcy:

.

Secondi. Giorni. Mesi. Anni. Cenni. Sguardi. Occhi. Mani. Morti. Andati. Ormai… e già qua un’ altro domani Che morde. Schiaccia. Fugge. Ammazza. Strappa. Sfianca. Sfregia. Graffia… vita, inferno, vita che corrode la mia faccia. Solchi. Luoghi. Massi erosi. Fiu...

Addio alla luce

Ghiaccio. Nel gelo giaccio. Scavo. Le unghie spezzo. Lastre di grida rompo ma resto chiuso dentro. Piango dolore eterno ma resto chiuso dentro. Mi dispero. Respiro il chiuso. Respiro il chiuso del prigioniero. Crepe di tempo infrango ma resto chiuso dentro. L...

Apnea

Mi chiude dentro, in un immenso, denso, senso di cecità interiore… si apre come un nero sole che abbraccia la terra con i suoi crudeli artigli. E di nuovo, ammutolito, sopravvivo alla ricerca del mio buco, esasperato… Mastico morte mentre striscio… chiudo ogn...

Come il buio

Infine…come il buio…copre tutto…un occhio che si chiude sulla vita… come il buio…inscrutabile magnificenza …perfezione…come il buio…vincere sulla vita …destarsi morto…come il buio…non c’è mai stato altro… Immensità nera. Maestà suprema. Avvolgente nulla. Abis...

Contemplando

No. Non esco. Ti resto a fissare, per ore. Stanco vero? Esausto, vuoto… Nulla ti smuove più… Giaci su un letto. Sudato, sfatto vorresti non esserci più… Fuori… piove. Ogni goccia è un altro giorno che persi… lasciai… cader nel mare che ora inghiotte me. Chiu...

Creatori nascosti

“…Guarda i buoni e i giusti…chi odiano essi di più? Colui che spezza le loro tavole di valori, il distruttore, il criminale… ma questi è il colui che crea” F. Nietzsche A lungo dormì il mio spirito, a lungo la purezza di albe e la luce dei meriggi mi fece sca...

Di vita e altri veleni

Di vita morire. Sentirsi svanire tra i raggi di un sole che apre le porte al dovere. Cadon al suolo i sogni senz’ ali lanciati nel nero velluto… un’ altra notte che non ho vinto… …e ahimè son vivo… Mattino mi uccidi con lame accecanti… non vedo, non voglio a...

Il grande freddo

Carne strappata dal viso. Esposto controvento attraverso sbarre fredde. Il treno viaggia incessante… il moto perpetuo, infinito, diretti dove morì l’ ultimo sole procediamo… L’inverno la fuori si espande per chilometri. Vuoti di vita. Orizzonti d’ idee. Accata...

Inestinto

Inquadrato, condannato, anche al buio più inscrutabile…si riconosce il perduto… Parlano le mie vene, pulsanti d’ esasperazione… Circondato da occhi cuciti, bocche sigillate… e mani che all’unisono…indicano l’innominato, l’aborto che non tace…che si contorce se...

L'inizio

…bianco …nient’altro …bianco …nient’altro…bianco …un punto…lontano…lontano…lontano…lontano… …più vicino…più vicino…più vicino… …più vicino…più vicino…più vicino…più vicino… Si vede qualcosa… ah, ma è solo un uomo 

Maledetto

Espulso dall'utero in un mondo acromatico dotato d'angoscia e forte di dubbi. La testa abbassata e ultimo in coda oscillo tra il vuoto del fuori e me stesso Escluso dal gruppo del belare contento sepolto, ringhiante ad inalare veleno è buio in un attimo e l...

Morire

Catene chilometriche insaziabile ferro che scava solchi di giornate che masticano pelle Il sole estivo irride il dolore mio immortale sorge assieme ad esso e mentre il primo va' a dormire l'altro non scompare Sorride… lei sempre sorride le unghie s...

Non è vivo

Non è vivo, non lo vedi… non s’accorge. Non è vivo. Vitreo in viso… con quello spento sorriso sembra che… sembra che la vita lo abbia ucciso. Non ha colore. Né odore. Eppur si muove. Nulla da dire. Da dare. Non vive. Non c’è. Si fa inghiottire. Sputare. E res...

Osmio

Un letto troppo largo troppo freddo, troppo spazio, troppo strazio. Occhi arresi al sonno e nel suo buio prosegue il sabba con me al centro. La veglia non differisce lo stomaco è il primo a svegliarsi. Il dolore morsica il cuore che inizia a prendermi a...

OXO

I denti della notte i morsi dell'angoscia l'occhio della luna che illumina l'insonne. Il letto/feretro il corpo madido asimmetrico giace tremulo e respira panico. Inutile è la conta delle ore il muro dei pensieri è troppo alto infiniti zeri in cui incastrare...

Splende

Splende lei, in alto, immune dal buio. Occhi di ghiaccio tra stelle di marmo, più urlo e più s'alza lei, luna di odio. "Sta sotto, lontano" mi sibila e intanto le mani dei morti mi cingono stretto, dita ossute negli occhi, bulbi esplosi, son cieco. Grido "ho...